Cistite: sintomi, cause e cure

donna con la cistite sente dolori

La cistite è un’infiammazione della vescica, precisamente della mucosa vescicale, causata da un’infezione delle vie urinarie. Nella maggior parte dei casi, tale infezione è dovuta ad un batterio chiamato Escherichia Coli.

La cistite è davvero fastidiosa e può rendere difficile svolgere anche le normali attività quotidiane.

È molto importante riconoscerne i sintomi per porre subito rimedio con una terapia efficace. È altrettanto importante conoscere le cause della cistite per evitare le abitudini errate che possono farla insorgere.

 

La cistite colpisce soprattutto le donne

La cistite colpisce prevalentemente le donne. Questo a causa di alcune differenze anatomiche fra genitali femminili e maschili. E' molto comune per il ginecologo trovare una soluzione a questo disagio.

L’uretra, nelle donne, è infatti più corta rispetto a quella degli uomini. Inoltre essa è molto vicina all’orifizio anale. Di conseguenza, i germi intestinali, fra i quali l’Escherichia Coli, riescono a risalire in modo più veloce e facile. La loro proliferazione nell’apparato urinario genera poi la cistite.

Secondo le più recenti statistiche, una donna su due soffre di cistite almeno una volta nella vita. L’incidenza del disturbo aumenta con l’avanzare dell’età per problemi legati alla menopausa, come la carenza estrogenica oppure la dislocazione degli organi pelvici.

Il ginecologo è in grado di consigliare un giusto stile di vita ed alimentazioni atte a prevenire l'insorgere della cistite, oltre che curarla.

 

Cistite: sintomi

I sintomi della cistite sono facilmente riconoscibili. I primi due sono il bruciore mentre si fa la pipì e il bisogno sempre più frequente di urinare, con una minzione però non abbondante. Altri sintomi sono eventuali, quali febbre e, nelle cistiti più forti, presenza di sangue nelle urine (cistite emorragica).

Ecco in elenco tutti i sintomi della cistite

  • Bruciore o dolore durante la minzione
  • Bisogno di urinare frequentemente: aumento del numero di minzioni nell’arco di 24 ore, con riduzione della quantità di urina ad ogni minzione (pollachiuria)
  • Spasmo doloroso accompagnato da un urgente bisogno di urinare
  • Sensazione di svuotamento incompleto
  • Brividi e freddo dopo la minzione
  • Dolore nella zona pelvica
  • Difficoltà nell’urinare: la minzione richiede uno sforzo notevole ed è lenta (disuria). Il getto è scarso e può risultare modificato nella quantità o arrestarsi improvvisamente in modo involontario
  • Urine torbide, talvolta maleodoranti
  • Presenza eventuale di sangue o pus nelle urine (rispettivamente ematuria e piuria)
  • Febbre. È eventuale, ma se la temperatura corporea sale è possibile che l’infezione si sia propagata nelle alte vie urinarie. In questo caso possono aumentare anche i dolori al basso ventre e all’altezza dei reni.

 

Cistite: cause

È molto importante conoscere le cause della cistite per prevenirla. Sapendo quali sono i fattori che la provocano è possibile evitare le abitudini errate che la fanno insorgere.

Oltre alla conformazione anatomica di cui abbiamo parlato sopra (l’uretra femminile è più corta di quella maschile, di conseguenza i batteri risalgono più facilmente) le cause principali della cistite sono dovute ad altri fattori che possono incidere sulla flora batterica vaginale, rendendo l’organismo più suscettibile all’attacco batterico. Tra i fattori che possono indebolire la flora batterica vaginale, facendo proliferare i batteri, vi sono ad esempio lo stress, la stanchezza o la terapia antibiotica.

Vediamo le cause principali della cistite.

  • Stress, stanchezza fisica o mentale: alterano la flora batterica
  • Terapia antibiotica o alimentazione irregolare: indeboliscono il sistema immunitario
  • Scarsa igiene personale: causa la proliferazione dei batteri
  • Eccessiva igiene personale o uso di detergenti aggressivi
  • Uso scorretto della carta igienica: è importante pulirsi dalla vagina verso l’ano, non in senso contrario. In questo caso infatti i batteri presenti nelle feci possono penetrare nell’uretra provocando l’infiammazione della vescica
  • Uso di assorbenti interni
  • Rapporti sessuali
  • Uso di WC poco igienizzati
  • Uso di contraccettivi ormonali
  • Indumenti eccessivamente aderenti
  • Malformazioni dell’apparato urinario
  • Malattie sessualmente trasmissibili, quali gonorrea o blenorrea
  • Restringimenti uretrali
  • Uso del catetere
  • Presenza di calcoli o tumori nella vescica
  • Diabete: la presenza di glucosio nelle urine può favorire la crescita batterica

 

Cistite: cure

Quando ci si accorge di avere la cistite bisogna contattare subito il ginecologo per porre rimedio al fastidio il prima possibile.

Una delle cure più efficaci e veloci, prescritta dai ginecologi, per combattere la cistite, eliminando tutti i sintomi, è la terapia antibiotica. Essa deve essere prescritta esclusivamente dal medico, meglio ancora dal ginecologo di fiducia; il quale consiglia al paziente dosi e tempo di somministrazione.

Oltre alla cura antibiotica ci sono dei rimedi naturali che aiutano a contrastare la cistite, facendo scomparire i fastidiosi sintomi. Si tratta di prodotti naturali molto utili anche a scopo preventivo.

 

 

Può interessarti anche:

Cistite: rimedi naturali

 

 

 

 

Ambulatorio: