Translucenza nucale

translucenza nucale milano

La Translucenza nucale è un esame di screening, ovvero che valuta la probabilità di una malattia. In questo caso la Trisomia 21 - Sindrome di Down.

Nel 1866 il dott. L. Down osservò che i bambini con trisomia 21 (Sindrome di Down) hanno un eccesso di pelle rispetto al corpo, soprattutto nella regione della nuca che può essere visualizzato con l'ecografia.
Esso appare come un aumento dello spessore della zona priva di echi, cioè nera, tra due linee bianche parallele che rappresentano l'osso e l'epidermide della nuca. Questo piccolo spazio è stato denominato N.T. (Nuchal Translucency o Translucenza Nucale)

 

COME AVVIENE LA TRANSLUCENZA NUCALE

Attraverso una ecografia che indaga lo spessore della pelle del feto nella regione della nuca:

  • Più lo spessore è sottile, più si riduce il rischio di malattia.
  • Spessori superiori a 3 - 4 - 5 - 6 mm sono, viceversa, associati a rischi di 4, 21, 26, e 41 volte superiori a quelli che la donna ha in base alla sua età.

 

QUANDO FARE LA TRANSLUCENZA NUCALE

La Translucenza nucale è una ecografia che si deve fare esclusivamente tra la 10^ e 14^ settimana di gravidanza.

Eseguendo la Translucenza nucale in associazione con il BI-TEST, che si esegue attraverso un prellievo del sangue materno si innalza la certezza della diagnosi dall’80% al 90%

 

RISULTATI

Secondo i dati dati pubblicati dal gruppo inglese di Nicolaides e Snijders (Fetal Medicine Fundation di Londra), su oltre centomila gravidanze studiate, risulta che la translucenza nucale è in grado di identificare circa l'80% dei feti affetti da sindrome di Down.

Nel 5% dei casi l'esame risulta falsamente positivo, cioè i bambini nascono sani nonostante l'esame sospettasse la presenza della malattia.

 

L'aumento dello spessore della Translucenza nucale non implica che necessariamente il feto sia affetto dalla malattia, ma che il rischio è sufficientemente elevato da giustificare una procedura diagnostica ulteriore.

Quando il nuovo rischio di malattia cromosomica fetale calcolato sulla base dello spessore della Translucenza nucale è superiore allo 0.5 ÷ 1% è consigliabile effettuare la villocentesi.

In caso di ispessimento della Translucenza nucale, anche quando il cariotipo fetale risulta normale, è consigliabile effettuare comunque un'ecografia di II° livello ed un'ecocardiografia fetale alla 18ª ÷ 22ª settimana.

 

Presso Centro Medico Buonarroti è possibile eseguire la Translucenza nucale in conbinazione con il Bitest con consegna del referto in meno di una settimana. On line o cartaceo.

 

 

Ambulatorio: